Acetaia Giusti sfida i confini della cucina regionale

Disobbedire per innovare: il mantra della rivoluzione alimentare questo è stato il tema che ha guidato l’intervento di Acetaia Giusti, la più antica casa produttrice di Aceto Balsamico di Modena, alla diciannovesima edizione del congresso Identità Milano.

In linea con il tema del congresso, la più antica casa produttrice di Aceto Balsamico di Modena al mondo, ha presentato una selezione di piatti realizzati dagli chef: Vladimiro Poma, Paolo Gori e Francesca Ciucci.

Durante l’evento Identità 2024, svolto dal 9 all’11 marzo , l’antica Acetaia Giusti ha avuto una splendida occasione per mostrare l’applicazione gourmet dei suoi prodotti tra aceti balsamici, dalle diverse intensità e il Vermouth. Così gli chef ospiti d’eccezione hanno presentato una selezione di piatti rivisitati provenienti dalle cucine tradizionali di Milano, Firenze e Roma, arricchiti dall’uso creativo dell’Aceto Balsamico di Modena.

La rivoluzione culinaria incontra la tradizione

I protagonisti di questa innovativa proposta gastronomica sono stati gli chef Vladimiro Poma (Silvano: Vini e Cibi al Banco – Milano), Paolo Gori (Trattoria da Burde – Firenze) e Francesca Ciucci (La Ciambella-Bar à Vin con Cucina – Roma). Le loro creazioni saranno disponibili nei rispettivi ristoranti per tutto il mese di marzo.

I Balsamici incontrano i classici regionali

Il progetto rappresenta un ulteriore passo nella ricerca dell’innovazione da parte di Acetaia Giusti, che continua a collaborare con esperti del settore enogastronomico per esplorare nuove frontiere culinarie, sfruttando la versatilità e l’eccellenza dei suoi Balsamici.

Siamo fieri di presentare la nostra collaborazione con tre chef di spicco, tutti impegnati a preservare e trasformare la ricca tradizione gastronomica italiana. Con queste reinterpretazioni, miriamo a valorizzare l’essenza di prodotti come l’Aceto Balsamico, capaci di arricchire e rinnovare le preparazioni culinarie più radicate nella nostra cultura.

Claudio Stefani, CEO di Acetaia Giusti

Le ricette rivisitate dagli chef

Vladimiro Poma, Silvano Milano

In apertura al congresso, Sabato 9 marzo, Vladimiro Poma ha presentato l’Insalata di riso, lingua e salsa verde. Un piatto che unisce la tradizione lombarda con influenze peruviane, grazie alla sua esperienza trascorsa nel paese. L’insalata è stata arricchita dal Condimento agrodolce Bianco Giusti, che ha conferito un tocco esclusivo e raffinato.

Paolo Gori, Trattoria Da Burde Firenze

Domenica 10 Marzo Paolo Gori ha portato in tavola il Panino al lampredotto e cavolo nero e la Zuppa inglese reinterpretati con l’uso del’aceto balsamico 2 Medaglie d’Oro e del Vermouth Giusti. L’utilizzo dei Balsamici ha aggiunto profondità e complessità ai piatti fiorentini, senza tradire la loro autenticità.

Francesca Ciucci | La Ciambella Bar a Vin Roma

Francesca Ciucci ha deliziato i presenti con il suo Lesso alla Picchiapò, una ricetta tradizionale romana rivisitata utilizzando il 2 Medaglie d’Oro Giusti per insaporire la carne brasata. Balsamico versatile che, con un ottimo equilibrio agrodolce, conferisce al piatto sentori di frutta matura, liquirizia e pepe nero.

Le creazioni gastronomiche portate a Identità 2024 sono un giusto connubio tra passato e presente, tra tradizione e innovazione. Lo scopo evidenziare e mostrare il potenziale dell‘Aceto Balsamico di Modena nel trasformare e arricchire le cucine regionali italiane.

Per il prossimo mese, tutti i piatti saranno disponibili nei menu dei rispettivi ristoranti.