Il Natale degli chef a Milano e non solo

Il Natale è arrivato è per bene va celebraqto, per chi vuole in compagnia non uno ma più di un ristorante ha la proposta migliore che ci sia! Di seguito una selezione di ristoranti gourmet e le proposte degli chef per il pranzo e le feste di Natale 2023 migliori indirizzi a Milano e non solo per festeggiare alla grande, insieme e sempre con le gambe ben sotto la tavola ma con clàss!

Chef Berton due menù della tradizione

Lo Chef Andrea Berton invita a trascorrere le feste al suo ristorante con due proposte di menu dal carattere ricercato ed elegante che rielaborano le tradizionali pietanze natalizie.
Il menu della cena della Vigilia comincia dalle “Capesante con corallo, sedano bianco e mela verde“, per alternare poi piatti di pesce a quelli di carne, come i “Tortelli di faraona con brodo di topinambur e agrumi“, l'”Anguilla alla griglia” o il “Filetto di vitello in crosta“.

Il menu del pranzo di Natale rivisita e valorizza le ricette tipiche di questa festività. Tra “Bagna càuda“, “Lasagna con coda di manzo alla vaccinara” e “Petto e coscia di quaglia“, lo Chef Berton farà vivere ai suoi ospiti un Natale ricco di gusto.
Come dolce conclusione di entrambe le proposte, il protagonista per eccellenza della tavola natalizia: il “Panettone della tradizione meneghina“.

Per entrambi i menu, in aggiunta, è possibile ordinare una selezione di portate al tartufo bianco d’Alba.
Cena della Vigilia: 180 euro a persona, bevande escluse.
Pranzo di Natale: 210 euro a persona, bevande escluse.
Per info e prenotazioni: +02 67075801; info@ristoranteberton.com.

Da Vasiliki Kouzina un pranzo di Natale Mediterraneo (Milano)

Per chi a Natale vuole celebrare la convivialità arricchendo la propria tavola con note mediterranee, Vasiliki Kouzina propone i “must have” delle feste della tradizione ellenica.

Vasiliki Kouzina pranzo Natale

Fino al 23 dicembre è possibile ordinare – con ritiro diretto al ristorante di Via Clusone 6 – l’amatissima Moussaka, piatto iconico della cucina greca e ottima alternativa alla lasagna della mamma, e la Torta Tradizionale, preparata con erbe selvatiche locali e feta, che sorprende con un mix di gusti genuini.

Per info e prenotazioni:

vasiliki@vasilikikouzina.com
tel. + 02 94381405.

142 Restaurant Chef Nello Barbieri e Chiara Orrù (Milano)

Per iniziare l’anno regalandosi una serata speciale l’indirizzo giusto è Corso Colombo 6 dove 142 Restaurant propone un menu ad hoc e accompagna i propri ospiti sin dopo la mezzanotte con il tradizionale cotechino e lenticchie. Tra i piatti proposti dagli Chef Nello Barbieri e Chiara Orrù: “Crudo di scampi kumquat, bottarga e polvere di sedano“, “Capesante con castagne e mela verde“, “Plin ripieni di pecorino, guazzetto di zafferano e frutti di mare” e “Filetto di pescato con verdure e salsa thai al basilico“. In abbinamento un menu vino con la selezione di fermi e bollicine proposta dalla padrona di casa, Sandra Ciciriello.
Menu degustazione: 142 euro per persona.
Menu vino: 60 euro per persona. Possibilità di scegliere alla carta.

Per info e prenotazioni

+39 02-47758490; info@142.restaurant.

Natale in Terrazza Gallia Restaurant (Hotel Excelsior Gallia – Milano)

Terrazza Gallia Milano Natale 2023

Le tavole di Terrazza Gallia si imbandiscono a festa anche per la cena della Vigilia e del pranzo di Natale, oltre che per la serata del 31 dicembre e della colazione del primo dell’anno. Tra i piatti proposti dagli chef Lebano, i “Tortelli di pollo arrosto all’arancia, brodo profumato alle erbe“, la “Coscia di agnello, indivia belga brasata, cavolfiori e ketchup di barbabietola“, la “Tartare di ventresca di tonno, mela verde, sfere di salsa ponzu“, e il “Rosso Natale: melograno e vaniglia, biscotto morbido al pistacchio“. Quattro appuntamenti speciali per festeggiare in uno dei luoghi più eleganti della città.


Terrazza Gallia Restaurant
Cena della Vigilia: 200 euro per persona, bevande escluse.
Pranzo di Natale: 165 euro per persona, bevande escluse.
Aperitivo e Cenone di San Silvestro (Aperitivo con Live Music alle ore 19:00 presso Terrazza Gallia Bar e a seguire cena presso Terrazza Gallia Restaurant): 420 euro per persona, bevande escluse.
Terrazza Gallia Bar
Dalle ore 22:00 con Live Music: 370 euro a coppia, una bottiglia di Champagne Ruinart “R” Brut. Tutte le altre bevande escluse.
Gallia Restaurant
Late Breakfast 1° gennaio: 65 euro per persona. Caffè e tè inclusi, altre bevande escluse. 
Per info e prenotazioni: galliadining.com.

Lontano dalla città

Al Krone St. Moritz 1 stella Michelin

Al Krone, il ristorante 1 stella Michelin di St. Moritz, uno speciale menu sarà protagonista dell’ultima notte dell’anno. Ad accogliere gli ospiti, un aperitivo di benvenuto accompagnato da piccoli snack. Si proseguirà poi con una cena di sei portate che si concluderà a mezzanotte con il tradizionale e beneaugurante “Cotechino e lenticchie”. 

Krone St. Moritz Natale 2023


Per info e prenotazioni
+41 81 833 34 34; +41 79 41 56 544; ristorantekrone@gmail.com.

La Rei Natura – Chef Michelangelo Mammoliti (2 STELLE MICHELIN)

Natale è sinonimo di tavole imbandite con ingredienti pregiati. Materie prime di terra, ma anche ittiche come pesci, molluschi e crostacei. Fra questi, rientrano i gamberi viola di Sanremo, eccellenti crostacei liguri protagonisti nel piatto che Michelangelo Mammoliti, executive chef del ristorante La Rei Natura all’interno del Boscareto Resort & Spa a Serralunga d’Alba (CN), propone per Natale:

Rei Natura Michelangelo Mammoloiti Natale 2023

Salamoia: un piatto nato a partire da un ricordo d’infanzia. Il nonno dello chef, ristoratore, era solito dire a un giovanissimo Michelangelo che per cena avrebbero mangiato “patate bollite e olive salate”. Il piatto è presto fatto.

Il sapore della conservazione caratteristica dei frutti dell’olivo – la salamoia – è stato utilizzato in questo piatto per accompagnare e completare un ingrediente dolce e ben più nobile rispetto alle patate: i gamberi viola di Sanremo. Con questi ultimi, viene preparato un disco di crostacei crudi tagliati a metà e conditi con olio evo gran cru Oneglia, sale Maldon e carvi nero e una coulis di teste, servita in una salsiera, così come la salamoia di olive taggiasche diluita con acqua. A completare il piatto, vi sono piccoli gamberetti rosa in tempura.

Ristorante Il Fagiano – Chef Maurizio Bufi 5*L Grand Hotel Fasano

Quest’anno Maurizio Bufi – l’executive chef del Ristorante Il Fagiano del 5* L Grand Hotel Fasano & Villa Principe di Gardone Riviera (BS) – propone per Natale la Cartellata di luccio, patata affumicata, capperi e olive.

Una ricetta perfetta per scaldare i commensali durante i giorni più freddi dell’anno e unire tradizioni gastronomiche lontane :la Puglia, rappresentata da un dolce rivisitato in versione salata, in forma di pasta fresca, e il Garda, del limone candito e dei capperi della sponda bresciana del lago. Il piatto viene completato da oliva taggiasca disidratata e foglie di cappero in salamoia.

📍Gardone Riviera (BS)

Balzi Rossi – Chef Enrico Marmo (1 STELLA MICHELIN)

In Piemonte i plin sono una delle paste ripiene più presenti sulle tavole. A Natale più che mai, festa in cui le tovaglie si imbandiscono con prelibatezze provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo.

Al ristorante 1 Stella Michelin Balzi Rossi, lo chef Enrico Marmo, di origine piemontese, propone Ricordo piemontese, un piatto che come rievoca il nome si lega ai ricordi di infanzia e che vuole far scoprire ai suoi ospiti che lo assaggeranno. L’idea è proporre una rivisitazione di un grande classico della tradizione piemontese, il plin di carne, in una versione vegetariana, che non ha nulla da invidiare alla ricetta classica.

L’impasto accoglie un ripieno a base di ceci cotti come un brasato, con sedano, carota, cipolla, aglio, rosmarino, salvia, concentrato di pomodoro e poi sfumati con vino Rossese. Il plin viene quindi terminato con una glassa: a base di cipolla bionda, pomodori secchi, funghi Champignon, salvia, timo, aglio di Vessalico, aceto di riso.

📍Ventimiglia (IM)

Il Sereno Al Lago – Chef Raffaele Lenzi 1 STELLA MICHELIN

L’executive chef del ristorante Il Sereno Al Lago, all’interno del 5*L Il Sereno di Torno in provincia di Como propone Risotto, caciocavallo podolico e limezza un piatto per festeggiare al meglio il Natale.

La ricetta è nata dalla volontà dell’executive chef Raffaele Lenzi di unire due territori ai quali è molto legato – la Campania che gli ha dato i natali e la Lombardia che lo ha consacrato chef – rappresentati da tre prodotti che hanno un certo legame con la festa. Se il riso e il caciocavallo sono due delle materie prime protagoniste nei regali natalizi, il limone è un frutto molto spesso utilizzato nelle ricette dolci che si preparano a fine anno: per la sua capacità di ‘alleggerire’ gli altri ingredienti, conferendo loro freschezza e acidità.

📍Torno (CO) – 5*L Il Sereno

Vitium – Chef Michele Minchillo 1 STELLA MICHELIN

Ravioli, ragù alla genovese, Salva Cremasco DOP e mostarda di zucca è la ricetta che lo chef Michele Minchillo del ristorante Vitium di Crema, l’unica Stella Michelin in tutta la provincia di Cremona, propone per celebrare il Natale 2023.

Perchè? Viene preparata nel rispetto delle caratteristiche della filosofia gastronomica dello chef – contaminazione, creatività e attenzione al dettaglio – e valorizza la zucca, un ortaggio spesso protagonista sulla tavola di Natale.

Nel primo piatto, la pasta fresca, simbolo dell’artigianalità gastronomica italiana, incontra il ragù alla genovese napoletano e il formaggio Salva Cremasco DOP, prodotto nella bassa bergamasca, nella pianura bresciana e nel cremasco. La zucca Mantovana, invece, viene utilizzata in una mostarda leggermente piccante, a sottolineare il forte legame dello chef con stagionalità e territorio lombardo.

📍Crema (CR) 

Azotea – Chef Alexander Robles Torino

L’executive chef del restaurant-cocktail bar nikkei di Torino Azotea, Alexander Robles, per il pranzo di Natale 2023 propone una ricetta della tradizione gastronomica peruviana, l’Ají de gallina. Nato da ricette della tradizione popolare di famiglie meno fortunate, che trovarono il modo di utilizzare gli scarti della gallina, cuocendoli nel brodo insieme al pane, il piatto assume una veste nuova nella cucina dello chef Robles.

La gallina viene sostituita dal pollo, le cui cosce vengono cotte sottovuoto e la pelle soffiata in olio di semi bollente. In accompagnamento, una salsa con peperoncini aji amarillo, cipolla bianca, latte di soia e curcuma e cialde di riso soffiate, che riprendono i sapori del cereale bollito nella ricetta originale in una forma nuova. Due sono i legami fra la ricetta di Robles e il Natale: la scelta di una carne, quella del pollo, spesso protagonista del brodo del 25 dicembre. E il riso, materia prima che, per tempistica di cottura, viene a volte poco valorizzata durante l’anno e che, in occasione di feste, trova la sua espressione in piatti conviviali, proprio come l’Ají de gallina.

MENZIONE GUIDA MICHELIN

Opera – Chef Stefano Sforza Torino

Per il Natale 2023 lo chef Stefano Sforza del ristorante Opera di Torino ha ideato un primo piatto delle feste: Spaghetto, lumachine di mare, coriandolo. Insieme agli spaghetti del Pastificio Massi di Senigallia (AN), due gli ingredienti protagonisti della ricetta: le lumache, per tradizione associate al Natale in tutta la Penisola e qui proposte nella versione marina, e il coriandolo, ingrediente esotico – come tanti altri nelle tavole di fine anno – che aggiunge un gusto unico ed erbaceo, molto persistente.

Il sapore del piatto si avvicina a quello di un ragù ma di mare. Un primo fine ed essenziale, arricchito dai pinoli, mixati con foglie e olio di coriandolo, per un pesto senza eguali.

Cantina Nicola – Chef Alessia Rolla

Al ristorante Cantina Nicola di Cocconato (AT), l’executive chef Alessia Rolla propone un menu legato al territorio e alla tradizione contadina, ma sempre al passo con i tempi. A dimostrarlo, le ricette a base di ingredienti stagionali e locali, valorizzati grazie a lavorazioni attuali e contemporanee.

Un esempio? Porcino, aglio orsino e brodo di bosco, un piatto dai sapori e dai profumi invernali ideato dalla chef per celebrare uno dei momenti più importanti dell’anno: il Natale. Nel piatto, i funghi porcini sono protagonisti di preparazioni molto diverse tra loro: un fondo, un olio, un brodo caldo e rosolati in padella. A completare, una salsa alle nocciole, foglie di aglio orsino sott’aceto e un olio al prezzemolo. 

Cocconato (AT)

Ristorante Il Pescatore – Chef Pasquale Tozzi

Per le festività natalizie, l’executive chef Pasquale Tozzi del Ristorante Il Pescatore, l’insegna situata all’interno del 5*L Grand Hotel Fasano & Villa Principe di Gardone Riviera (BS), propone un primo piatto scenografico ed elegante: Gnocco di barbabietola, borragine, sedano rapa e jus vegetale. Nata dall’idea di interpretare una preparazione tipica della tradizione gastronomica italiana, gli gnocchi, la ricetta si contraddistingue per la sua attenzione alla qualità e stagionalità della materia prima e per il suo equilibrio nei sapori e nei colori. Nel piatto, il formato di pasta, ripieno di borragine, viene adagiato su una delicata crema di sedano rapa e completato con un saporito jus vegetale a base di sedano, carote, cipolle, funghi secchi, vino e salsa di soia.

5*L Grand Hotel Fasano
Gardone Riviera (BS)